GIOVANISSIMI, un k.o. che brucia ma che non cancella una stagione

Un k.o. pesante ma che non cancella una stagione esaltante, fatta di record e di successi su praticamente tutti i campi del girone. I nostri GIOVANISSIMI REGIONALI escono con le ossa rotte dalla trasferta di Gela al cospetto di un avversario fisicamente più forte e abituato a giocare su un campo piccolo e perennemente sferzato da un vento terrificante che devia il pallone e diventa parte integrante

di ogni partita. Nessun alibi, per carità, non è nel nostro stile e non servirebbe a nulla: certo è che determinate caratteristiche del terreno di gioco possono incidere sulla prestazione degli atleti. Ma lo ripetiamo: il REAL GELA merita quanto raccolto.

 

Se una difesa come la nostra che ha subìto 9 reti in tutto il campionato (di cui una "regalata" per fair play al Catania 1980, fatto per il quale abbiamo ottenuto gli onori della cronaca nazionale grazie all'articolo e al video pubblicato sul quotidiano Corriere dello Sport) arriva a subirne 8 in una sola partita, qualcosa vorrà dire: un potenziale offensivo che vanta un attaccante da 35 gol a stagione e un collettivo con 3 o 4 elementi già opzionati da società di serie B, fanno la differenza.

 

L'aspetto morale di essere andati sotto quasi subito e con un punteggio già pesantissimo dopo venti minuti ha influito sicuramente sulla prestazione, tant'è che nella ripresa si è vista una reazione con il rigore trasformato da TRIOLO e con una tenuta psicologica migliore nonostante l'avversario non abbia affatto abbassato i ritmi, andando anzi alla continua ricerca del gol.

 

Mercoledì, in casa, ci attende la seconda partita playoff contro un'altra corazzata chiamata Buon Pastore Palermo, che ha stravinto il proprio girone vantando un collettivo di prim'ordine. Ai nostri ragazzi non chiediamo miracoli ma solo una prestazione orgogliosa e gagliarda, per far sì che questa esperienza sia ricordata come un tassello importante della loro crescita umana e sportiva.

 

Ma sul carattere e sulla voglia di riscatto dei nostri ragazzi non abbiamo dubbi: giochiamocela e godiamocela, essere qui è già un successo e questo non ce lo può togliere nessuno.

 

Questi ragazzi sono stati il fiore all'occhiello della Società e certe emozioni non se le può spazzare via niente e nessuno. Neanche...il vento! ;)

Scrivi commento

Commenti: 0